martedì 11 gennaio 2011

TEMPESTA SUL LAGO DI COMO

Quadro : Tempesta di neve sul lago di Como
Sotto i lampioni già accesi in quel dì  Dicembrino,
il vento fischiava spingendo in direzione delle montagne,
che da lontano avean la parvenza d'esser dipinte,
su  sfondo grigio scuro, come la pietra di Moltrasio.
Le nuvole sembravano gonfiarsi a dismisura,
man mano che venivano giù lentamente dai monti.
Il cielo non era di un unico tono,
ma di un intera tavolozza dei colori più misti.
L'aria aveva il sapore quel sapore frizzante come,
quand'è sereno il ciel, è sereno ... ma quando è sì cupo?
Stormi fitti di gabbiani nuotavano con ali aperte,
 in quel denso mistero grigio.
Fronde di alberi ondeggiavano ovunque.
 Foglie deboli morivano nel vortice d'aria umida del vento.
Tutto mi sembrava un quadro dell’ottocento,
mancavano solo dame e cavalieri, e carrozze,
osservavo quell'ombra che risaliva la stradina.
L'ombra che fedelmente seguiva il mio corpo,
 era un solitario lontano ricordo del giorno,
d’inverno passato in riva al lago ,che rimane
 in un angolo del mio cuore.

Nessun commento:

Posta un commento