mercoledì 28 settembre 2016

E' l'Autunno

Gli alberi cambiano colore.
Le foglie ingialliscono poco a poco.
Soffia una brezza pungente,
ad ogni suo alito, le foglie cadono.
È l'autunno.
Sui monti il freddo è già arrivato,
le mandrie, e le greggi transumano al piano.
I piccoli animaletti dei prati e dei boschi
preparano l'inverno che sta arrivando.
Gli uccelli migrano in paesi lontani.
Ci dona gli ultimi frutti dell'anno.
Nei vigneti il contadino vendemmia
i bei grappoli dagli acini succosi.
Poi, nella campagna brulla, velata di nebbia,
l'aratro rivolterà le zolle creando lunghi solchi,
per il pane del prossimo anno.
 L'è l'Autün
I piant canbian culur.
I föi ingialisan pian pian.
Bofa n'arieta ca la spumg,
ad'ogni bufada, i föi borlan gio.
L'è L'Autün.
Sü i muntagn ul fregg lè gia rivaa,
mandri, e gregg, turnan al pian.
I bestulin di pra, e di bosc,
preparan l'invernu, che lè dre rivaa.
I üsei migran in di paes luntan.
Al ga regala i ültim frütt da l'ann.
In da la vigna ul paesan, al vendemia
i bei grapul, dai chicchi güstus.
Pö inda la campagna biota, scundüda da la nebia,
l'aratar al girarà la tera, cunt di lung sulc,
par ul pan , da l'ann ca vègn.

Nessun commento:

Posta un commento