mercoledì 22 dicembre 2010

TAROCCO E PETERNELLA

Amici cari forse un poco strani,
erano  amici dei tempi malsani,
quando la vita non fa meraviglia,
per loro  era la cara bottiglia.
Con nella testa,  nuvole strane
mollica bianca come il pane.
Ora li vedo felici e contenti,
I loro occhi mozziconi spenti.
Non si attaccavano più alla bottiglia,
ma in cambio avevano una pastiglia,
i loro dipinti erano diventati soggetti
strani inanimati; mal disegnati,
mentre in un tempo poco lontano,
forse era il buon Bacco che guidava,
loro la mano.
Erano lì sotto quattro cartoni,
i loro cani per termosifoni,
ma il freddo boia se li è portati
la dove noi siamo tutti destinati.
Ciao Tarocco e ciao Peternella,
in vostro ricordo,questa storiella.

Nessun commento:

Posta un commento