giovedì 13 dicembre 2012


LARIO
Paesi e città
affollano le tue sponde,
i loro campanili suonando
rilassano la mia vista
al tiepido sole di novembre.
Ulivi secolari nel mezzodì
si specchiano nelle tue acque
mentre tu caldo amico sole,                                                                                                                         mi ripaghi con riflessi lucenti.
Sul far della sera miriadi d’ombre
allungate dal trascorrere
incessante del giorno
scivolano verso oriente,
fino a dissolversi d’incanto
nella pace notturna dell’alto lago.
Le incalzanti onde
dell’ultimo battello che passando crea                                                                                                        sono giochi d'altalena dei solitari moli
Mentre la luna piena inizia il suo mestiere
regalando stelle lucenti
all’ombra di un lampione                                                                                                                                mi specchio nelle tue dolci acque.



3 commenti:

  1. Ciao Riccardo ... mio poeta paesaggista.
    Le tue parole sono nei miei occhi ... tramite te sono nitidi e bellissimi i paesaggi che descrivi e rivivi. Sei bravo!
    Ti porgo i miei più sinceri Auguri di un Lieto Natale e un prospero Anno Nuovo.
    Un abbraccio, Serena

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Riccardo grazie della visita e arrivederci a presto, compaesano! Sempre interessante conoscere nuovi poeti
    Un saluto

    potresti togliere la parola di verifica?

    RispondiElimina
  3. Scusami se mi ripresento nuovamente....ho letto che non puoi stare molto davanti al pc....se può esserti d'interesse ti comunico che ho realizzato la mia prima raccolta di poesie-foto....per info contattami pure o clicca sulla foto in alto a dx del mio blog

    RispondiElimina