lunedì 27 dicembre 2010

H. s . Anna
Una mano mi sfiora
dolcemente la guancia,
carezze sconosciute,
di un camice bianco,
spasmodicamente,
le afferro.
Confortante felicità,
non sento più la tristezza,
le fitte al cuore
sono sparite,
ho vinto anche questa
battaglia.

Nessun commento:

Posta un commento