martedì 4 gennaio 2011

notte d'amore

Mi piace osservare il tuo corpo, riflesso nello specchio ,
mentre ti sfilo gli ultimi strali di tessuto,
 profumato del mio odore, di uomo.
Sotto le mie mani, la tua pelle  liscia,
 il tuo sudore che dalla fronte scivola,
come lacrima di ghiaccio fondente,
 sul mio petto cade.
Mentre  come ballerina classica ti inebri
del suono degli archi,che luminosi si disegnano
 sulle candide lenzuola,con parabole colorate ed umide,
 alla pressione dei nostri corpi
. Non chiudo le palpebre,
 ma, con gli occhi fissi sulle tue dolci forme ,
 mi incanto ad osservare la tua nuda danza .
 Ti assorbo. Il ritmo dei tuoi movimenti,
scandito da diabolici tamburi lisergici,
ti scuote. Riesco a renderti più donna,
riesci a farmi vedere, il paradiso in questa stanza.

Nessun commento:

Posta un commento