martedì 15 marzo 2011


                                 Cavalcata selvaggia
              Cavalca nella notte buia
           il  bianco destriero,
               scavalca il vuoto, volando
                su  candide teste arrembanti,
               e criniere rabbiose, lucenti.

               Un raggio di luce non frena,
              ne arresta ,
                 il galoppo su spiagge spumose ,
             di sabbie
               scintillanti, che accendono il buio.

             Cavalca lungo le lande
              Cavalca e nel vento,la la rabbia disperdi,
           portando sul dorso piagato,
            dolori di un buio passato. 

Nessun commento:

Posta un commento