sabato 9 aprile 2011

NAPOLI MIA

QUESTA BELLA POESIA è UN REGALO DELLA MIA AMICA NELLA
NAPOLETANA TRASFERITA A MILANO, MA PIENA DI NOSTALGIA DELLA SUA BELLA NAPOLI
Stanotte, ‘aggio fatto ‘nu suonno
‘ca me pareva vero.
Stevo dint’ ‘a nu ciardino gruosso assaie
Assettata ‘ncoppa a ‘na panchina.
L’aria era doce e io guardavo ‘o cielo azzurro.
L’aucelluzze ,felice,vulavano e cantavano.
Attuorno a ‘mme tanti sciure culurate,
russe,gialle,rosa ,viola ….
Comme erano belli, me parevano ‘n’arcobaleno.
All’intrasatte veco da luntano comme ‘n’ombra che s’avvicinava.
Me pareva na signora elegante e bella assaie.
Me guardaie e me facette segno ,comme  pe’  dicere :Viene,Viene…
Incuriosita mi avvicinai e con gentilezza le dissi:
-Buon giorno Signora,mi  ha chiamato? Ha bisogno? –
Nun l’avesse mai fatto!! ,addeventaie  ‘na belva , e tutta indignata
Brava brava ,me rispunnette, mo si diventata furastiera ?
Te si scurdata pure  e me? che curaggio  e tenuto ,traditrice…….
Cu nu felillo ‘e voce  ,Le chiedo scusa signora,le dicette ,ma ci conosciamo?
Io song Napule  nun l’è capito an cora?”
Murtificata,acalaie a capa e ‘ncuminciaie a chiagnere.
“Perdoname Napule mia, io nun t’aggio tradita,pe nu duvere io me trove ‘cca
Io stongo ‘cca pe figlie,hanno perzo ‘o pate 
E io aggia mantenè o carro pa scesa
‘CCa sto bona ,tengo na bella casa,tengo tutto,nun me manca niente
Ma io penzo sempe ‘a casa mia c’aggio lasciata a Napule
Chiena d’allegria ,chiena e sentimente ,chiena e ricordi,
chella casa addò pe l’urdema vota aggio vasato ammore mio.
Mo so rimasta sola, prigioniera da’ malincunia e da tristezza,
e nun esiste niente ca  ‘mo fa turnà….
Napule mia si te putesse  dicere chello che tengo dint’ ‘o core mio
Te farria felice,perciò crideme tu si tutta a vita mia…
E’ overo so nata a Napule ma  a Milano aggia murì

TRADUZIONE:
Stanotte  ho fatto un sogno che mi sembrava realtà. Mi trovavo in un parco grandissimo,seduta su una panchina. L’aria era sottile ,ed io guardavo il cielo azzurro,gli uccellini che felici volavano e cantavano. Intorno a me tanti fiori colorati,gialli,rossi,rosa,viola,come erano belli,sembravano un arcobaleno .All’improvviso vedo da lontano un’ombra avvicinarsi ,sembrava una signora elegante e molto bella che appena mi vide mi fece un cenno come per dire:Vieni , vieni … Incuriosita mi avvicinai e con grande cortesia le dissi:-Buon giorno signora ,mi ha chiamato? Ha bisogno?Non l’avessi mai fatto diventò una belva , e indignata mi rispose”Brava ,brava  sei diventata straniera? Ti sei dimenticata di me,che coraggio hai avuto ,traditrice….Con un filo di voce le dissi:”Le chiedo scusa signora ,ma…..ci conosciamo “Io sono Napoli ,non l’hai ancora capito? Mortificata ,abbassai la testa e cominciai a piangere”Perdonami Napoli mia ,io non ti ho tradita,mi trovo qua per un senso del dovere ,io sto qui per i miei figli. Hanno perso il padre ed io devo tenere le redini del carro .Qui sto bene ,ho una bella casa ,ho tutto e non mi manca nulla ,ma io penso sempre alla mia casa che ho lasciato a Napoli ,piena di allegria ,di sentimenti e di ricordi ,quella casa dove per l’ultima volta ho baciato il mio amore. Ora sono rimasta sola ,prigioniera della malinconia e della tristezza e non esiste nulla che lo fa ritornare da me. Napoli mia se potessi dirti ciò  che ho nel mio cuore ti renderei felice ,perciò credimi sei tutta la mia vita .E’ vero sono nata a Napoli ma  a Milano devo morire

3 commenti:

  1. Bravissima Porzia!!! Hai trasmesso con una bella metafora tutta la nostalgia, la malinconia ma soprattutto l'amore x Napoli.'O core toie sta llà..
    Vera

    RispondiElimina
  2. Brava Porzia,le radici non si scordano mai,bisogna superare i momenti di malinconia.

    RispondiElimina
  3. Napoli è una città in grado di lasciari qualcosa addosso e non la scordi non c'è niente da fare. Chi ci ha vissuto e chi ci vive sa quanto nei suoi continui paradossi sia fantasticamente unica.
    Buona giornata!

    RispondiElimina