lunedì 31 ottobre 2011

UL Mè CAMINETT

Che bel sentas gio
davanti al f
Ö
g dul caminett
a guardà ul so perpetuo muviment,
la fiamma che la bala,
e in quel so muvimet,

ti te restet lì incanta cumè quand
ta serat  piscinin.


Lasa ul temp f
Öra da la porta,
te ghet minga d’aveg  presa,
sent cumè al ta quata su i spall,
sent che bel calur che l’manda,
tira un bel suspirun,
e la vita la ta pararà p
Ü
sse bela.

Verd i port dal to c
Ö
r,
lasa che tucch i to pa
Ü
r,
vagan dentar al f
Ö
g.

Tegnal sempar pizz
se te vedat che la fimma

le dre a smurzass,
bofig un pu sura,
e metig sù un pu de legna.



IL MIO CAMINETTO



Che bello quando mi siedo

di fronte al fuoco del mio caminetto,

ammirare la fiamma,

con il suo movimento perpetuo,

e rimanere li incantato ,

come quando ero un bambino.



Lascia il tempo fuori dalla porta,

non avere fretta,

senti come il calore della fiamma,

ti copre le spalle,

godi di quel calore, tira un bel sospiro,

e vedrai che la vita ti sembrerà più bella-



Apri la porta del tuo cuore,

lascia che tutte le paure,

finiscano dentro al fuoco.



Tienilo sempre acceso,

se vedi che la fiamma,

si sta spegnendo, soffia sulle braci,

e aggiungi un po’ di legna.

Nessun commento:

Posta un commento