lunedì 31 ottobre 2011

SOTA AL PORTIC

N’arieta  fresculina
la riva da punent
su i facc tut russ dal sul
del dì che le dre murì.

A sunt chì che vuli in gir
cumè una farfala
tra i bras, indue c
Ösan

Custin e salamel,

che in allegria, bagnaa

da un bun bicier de vin
la cumpagnia la mangia in allegria

Che bèla lè l’alegria

che bèla lè là to ghignada
là par che la renda

pusse fresca la serada.









sOTTO IL PORTICATO

Un arietta fresca arriva da ponente,

sui volti bruciati dal sole,

del giorno che sta morendo.



Sono qui e volo come una farfalla,

sopra le braci, dove cuociono,

costine, e salamelle,

che in allegria, bagnate

da un buon bicchiere di vino,

la compagnia mangia in allegria.



Che bella e l’allegria,

che bella è la tua risata,

sembra rendere più fresca

la serata.

Nessun commento:

Posta un commento