mercoledì 11 gennaio 2012

Lei era lì pallida  come il sole
filtrato nella nebbia,
era un aquilone legato al filo

di altre vite, di altri mondi.
Lei non era l'arcobaleno che aspettavo,
ma la fatua illusione di un'anima stanca.
Lei non era....

Alt pausa di riflessione..................
ma che cavolo ho mangiato ieri sera
per avere questi incubi?

1 commento:

  1. Ricambio la visita e ti ringrazio per le bellissime parole che accarezzano il cuore. ( DolceRandy)

    RispondiElimina