giovedì 15 marzo 2012

Ul mè paes, Gürun



Se ta guardasi no cunt i öcch dun innamura,

devi propi dì che te set mia tant bell,

in tut questi ann tan un pu mudifica,

anca ul nomm tan cambia.

Adess te set una fraziun,la fraziun de Gürun.

Ma mi sa regordi,  ul vecc,che l’è resta vecc,

Adess te parat un quadar fai da tanti pitur,

ogni un cunt la so tecnica,

senza seguì una logica.

L’è chi che sunt cresü,e orguglius anca se sun luntan,

cun ul cör e cunt la ment, a vivi anca mo lì.

Ul mè Pà al ma diseva sempar,

regordas nugn che vivum chi,

sem cunsidera di puerasc,di povar igurant,

ma ti dimostrig a tucc, che anca sa te vegnat

da una burgada, cunt poc danee in sacogia.

Cunt l’unestà e la cartà cristiana,

te duvaret mai sbasà i öcc par la vargogna.

Adess che sunt vecc, e püse madür,

speri propi da minga avet delüs

caro ul mè vecc Gürun.













Il mio paese Gurone



Se non ti guardassi con gli occhi di un innamorato

devo proprio dire che non eri tanto bello,

in tutti questi anni ti hanno un po’ modificato,

anche il nome ti hanno cambiato.

Adesso sei una frazione, la frazione di Gurone.

Ma io mi ricordo, il vecchio, che è rimasto vecchio.

Adesso mi sembri un quadro dipinto da tanti pittori,

ogni uno con la sua tecnica, senza seguire una logica.

È qui che sono cresciuto, e orgoglioso anche se sono lontano,

con il cuore, e con la mente, vivo ancora lì.

Mio padre mi diceva sempre,

ricordati noi che viviamo qui,

siamo considerati dei poveracci, dei poveri ignoranti,

ma tu dimostra a tutti, che anche se vieni da una borgata,

con pochi soldi in tasca.

Con l’onestà, e la carità Cristiana,

non dovrai mai abbassare lo sguardo, per la vergogna.

Ora che sono vecchio, e più maturo,

spero proprio di non averti deluso,

caro il mio vecchio Gurone.


Nessun commento:

Posta un commento