giovedì 21 giugno 2012


I marmi delle Apuane

Marmi corrosi sui monti delle Apuane
deserti palazzi, dalle mura sgretolate
Profonde stanze vuote,

sono ormai ritrovo per fantasmi
di epoche lontane.

Ad ogni fragor di mina nei paesi,

rivivono i timori, che doman  mattina

ci siano meno cavatori

che risalendo  il monte baldanzosi e ardenti,
non cantino più  canzoni per  atei, e credenti.
Sfarzo e tragedia di un epoca lontana.

Di lei restano solo.

Ricordi  sogni e fantasie.

1 commento:

  1. La dedico al mio amico Paolino, di Massa, e al grande Giulio, maledetto Toscano,(come lui si definisce) è un ricordo delle cave Fantiscritti di Massa.

    RispondiElimina