martedì 30 agosto 2016

FIUMI DI PAROLE

Scrivo fiumi di parole
cercando per loro, un alveo
dove farle scorrere.

Dono loro un corpo
creo una vita tutta loro,
flebile, dolce ,
un volume senza fine,
che di pagine sfogliate
s'alimenta di.

Polveri, paure ,
speranze cullate,
misteri coccolati,
alberi sradicati,
ardori sopiti.

L'illusione di un rivolo d'acqua
che nel silenzio scorre,
e nell'indifferenza,
poi ad un tratto scompare
come il cicatrizzarsi di una ferita.

Ma è notte, solo la notte
che il mio cammino si fa lento,
il mio respiro più affannoso,
confondo passato e presente,
sogni , reali sfumature,
specchio per quanti in me,
cercano di conoscer sé stessi.

Volo, pur restando sulla terra,
volo con la mente, senza un destino,
volo, e nel volo, solo nuvole.

Le guardo.
Soffio.
Scompaiono.

Nessun commento:

Posta un commento