mercoledì 31 agosto 2016

RICORDI DI NONNO
Quand'ero piccolo, il sole non nasceva ad'est,
spuntava dalla chiesetta in cima al monte Morone.
non tramontava ad'ovest,
ma andava ha riposare oltre la valle dell'Olona,
Olona dove tra le anse, piccole palline nere,
che noi bambini del paese, catturavamo
mentre l'acqua tra le dita si scioglieva.
Questi erano i giochi di bambini,
con pezzi di legno abbandonati,
costruir armi per una guerra.
Guerra che solo fischio del Nonno placava,
perche un buon risotto in tavola aspettava.
Rifare questa strada conosciuta,
ricordar prati tagliati,
da bianche arterie in terra battuta.
Luoghi natii mai più io scordo,
il correre con gli amici tra i prati,
ergo poi ad uno ad uno tuffarsi,
nel fiume Olona che scorreva.

RICORD DA UN NONNO
Quand seri piscinin, ul sul al naseva minga a est,
al spuntava da dre la geseta in scima al munt Murun.
Al tramuntava minga a ovest,
ma al nava a ripusà, da l'altra part,
da la val del'Ulona
Ulona induè tra i ghör, balett negar,
nügn, bagaj dul paes, pescavum,
intant che l'acqua, tra i did la scarligava.
Questi eran i nost giüg da fiö,
cun tocc da legn, truvä in gir,
custrüì, armi par la guera.
Guera che dumà ul fisc dal Nonu fermava,
parche un bun risott sul tavul l'era prunt.
Ripasà par chi strad fai tant völt,
regurda i praa taja,
caminà ancamo, su chi bianc sentee.
I  post induè ca sunt nasü,
cur cun i amis in meza i pràa,
e pö, a vün, a vün, saltà,
dentar al'ulòna,
che liscia la scarligàva.

Nessun commento:

Posta un commento