mercoledì 7 settembre 2016

Cuma sem cunsciaa.
Erode al sigüta la strage di innucent,
Pilato al sa lava anca mo i man, in dul sang.
L'omm al sent pü ul cant di üsei in di bosc
al ved pü i meravigli dul creato,
e quand ia ved, ia distrügg.
Tütt quest l'è ul brütt diseg, da l'omm diventaa Caino
che l'è sempar dre a mazà Abele.
E Abele a co bass, al sa dumanda parchè,
la facia trist che fà rabbrividì da tanti innucent,
che portan scrivü, cun ul sang, GIUSTIZIA.
La vöran, e l'avarann.
L'omm d'incöö al gà dumä un Dio
che al sä ciama danee, puter, indiferenza,
pecaa gravi püsee che l'odio.
Piangi scrivi la mè rabia, la mè delüsiun,
che ma fan perd la speranza, in un mund migliur.
Ma mì siguti a sentii, ul cant di üsei in di bosc,
ül sfregüià di und, vedi ancamo la lüs dul faro,
quel faro che un di, al podarà, insegnà a l'omm la verità.
Giüstizia, amur.

Nessun commento:

Posta un commento