giovedì 7 aprile 2011

è SERA

è sera guardo il cielo , mi sembra una tavolozza di un pittore
piena di colori, di mille profumi, e tanti sapori.
Il sole che cala nelle profondità del lago,
fin tanto che ne puoi vedere la fine,
e nello stesso tempo anche l'inizio,
che sembra lasciar passare un po di speranza.
prendi al volo questo mio messaggio,
prima che scompaio nella rugiada mattutina.
  
IN DIALETTO

Lè sira guardi ul ciel el me par na tavulozza dun pitiur.
Piena de culur, de mila prufüm, e tanti savur.
Ul  sul che el cala in dì prufundità dul lag.
Fin’tant che sa ved la fin,
ma in dul stess temp ,anca un inizi, che’l par lasà passà un pu de speranza.
Ciàpal al vul ul mè messagg, prima che’l vula via cun la rusàda de là matina.

Nessun commento:

Posta un commento