venerdì 20 gennaio 2012

PASSEGGIATA  (in via Pazzea)
La brina copre ridisegnando
una campagna intorpidita
a fil di terra un lieve strato
di nebbiolina che sale dal Seveso
dipinge di grigio rosato il paesaggio.

Fili d’erba rinsecchiti
brillano in lontananza
come aghi di cristallo
smossi da un refolo di vento
in questo letargo invernale.

Solchi duri e ghiacciati
di terra rigirata dall’aratro,
aspettano la carezza,
di mani dure, incallite.

Fa capolino tra le nuvole
un lieve raggio di sole.
ammorbidendo un po’ il grigiore.

Sullo  sfondo là in alto
sui tetti delle case di Fino,
caldo e nebuloso
vola il fumo dei camini,
che riscaldano il freddo Inverno.

Nessun commento:

Posta un commento