lunedì 25 febbraio 2013


Neve croce e delizia
Le ultime grida di quest’inverno
che tarda la sua fine,
lasciano su di noi l’ultima neve
ammucchiata al bordo delle strade.
Un tiepido sole lucente e gioioso
fa capolino tra le nubi,
riscaldando la mia anima e le membra,
sono le cinque della sera lui dispettoso
dietro al campanile scompare.
Con gli impetuosi venti Marzolini,
e tiepide brezze d’oltralpe ,
nuovi aliti di primavera 
muteranno in pioggia la neve.
Mentre al disgelo le nevi perenni
lasciando le cime montane,
regalano acqua che ripulisce
la gelida bianca ombra di Febbraio.
Stendendo il verde manto primaverile della terra,
forse allora capiremo la riluttanza di noi uomini
ad aiutarci l’un l’altro.
Che per paura del freddo
spesso scordiamo che si deve
amare anche la neve.

Nessun commento:

Posta un commento