domenica 9 aprile 2017

Riflessioni

Rinchiuso in questa stanza estirpo dalla mente
le ultime lacrime di una notte insonne.
Poi, la divina luce e mi ritrovo alle soglie del giorno,
pieno di pensieri, e di tristi presagi.
Ho! rosso sole che sorgi, stendi un manto di luce intrisa
di veli candidi ai ciechi passanti,
mandami il suo canto prima che venga il tramonto!
Vita, ferma il tempo,
altrimenti è già sera, e poi notte!
Poi sarà per la mia esistenza,
solo ansia che mi divora dentro!
il timore mi assale!
Ascolto il grandinio nella mia stanza
che bussa insistente alla finestra"!
Vita, dammi ancora un pezzo di cielo azzurro
e i lampi d'amore! che solo lei mi sa dare,
lascia che io giochi ancora sul tetto delle stelle
e beva ancora il nettare nel suo calice d'amore!
il mio cuore non riposerà più un'altra notte fredda!
Ora le porto cantando un ramo di salice in fiore
mentre gli Angeli canteranno in coro il nostro amore.


Nessun commento:

Posta un commento